cosmetici

Sicurezza nei cosmetici

I cosmetici possono essere di diversi tipi: creme, emulsioni, lozioni, gel, oli e liquidi ma tutti devono essere dichiarati sicuri prima di poter essere immessi sul mercato. Per questa ragione sono sottoposti a numerosi test che ne valutano la sicurezza ed eliminano gli effetti indesiderati. Dal parlamento europeo è stato redatto un nuovo Regolamento che ha lo scopo di armonizzare le precedenti normative in materia e soprattutto renderà uguali le disposizioni per tutti gli stati della UE. Il Regolamento è il 1223/2009 che in Italia entrerà in vigore a partire dall’11 Luglio 2013.

Questo regolamento proporrà solo alcune novità rispetto al passato, una di esse è la nomina della persona responsabile che assume la responsabilità tecnica e sanitaria del prodotto con l’obbligo di gestire e conservare la documentazione di sicurezza del cosmetico. Altre novità riguarderanno l’etichettatura del prodotto e la pubblicità del cosmetico.

L’etichetta, come indica l’ART. 19, dovrà riportare:

  • Nome o ragione sociale e indirizzo della persona responsabile;
  • Contenuto nominale al momento del confezionamento, espresso in peso o in volume;
  • Data fino al quale il prodotto continuerà a svolgere le sue funzioni;
  • Precauzioni per l’impiego del prodotto;
  • Numero di lotto;
  • Funzione del prodotto;
  • Elenco degli ingredienti, devono configurare anche i nanomateriali con la dicitura “nano” tra parentesi.

La sicurezza del prodotto è garantita grazie alla documentazione informativa che deve essere conservata per 10anni dall’uscita del prodotto e contiene la descrizione del prodotto, la relazione sulla sicurezza, descrizione del metodo di fabbricazione e i dati sulla sperimentazione. In oltre il prodotto cosmetico dovrà essere preparato seguendo le norme di buona fabbricazione (GMP) come indicato nella ISO EN 22716:2008 che specifica l’organizzazione del locali, delle apparecchiature e delle materie prime più idonee a garantire la sicurezza del cosmetico; sono consigliate anche le modalità di gestione dei rifiuti e i test per il laboratorio di controllo della qualità.

Un pensiero su “Sicurezza nei cosmetici”

Rispondi